CALONEGO

Acoustic Music

GOOGLE TRANSLATE

CALONEGO: Sergio Arturo Calonego ha all'attivo ormai 800 concerti ufficiali ed è stato invitato in importanti festival legati alla canzone d’autore, musica strumentale per chitarra e world music esibendosi in Club Tenco, a Sanremo per il dopo festival e nel tempio europeo della chitarra acustica, il Festival de la Guitare de Issoudun,. Ha realizzato due dischi personali di “chitarra acustica sola”, Marinere e Dadigadì, per i quali ha ricevuto riconoscimenti importanti. Nel 2014 è stato premiato da Mogol con la Targa SIAE, nel 2015 è stato nominato miglior chitarrista Atkins Dadì Guitar Players Association e nel 2016 ha ricevuto da Franco Mussida, chitarrista della PFM, il primo premio “L’artista che non c’era” per la musica strumentale. Il videoclip del brano Dadigadì ha vinto cinque premi internazionali fra cui l’Hollywood International Moving Pictures Festival, Bellingham Music Film Fest, Phoenix Film Festival Melbourne, Alaska International Film Awards diventando un capitolo del film documentario, “Body&Sound”, realizzato dal regista Alberto Nacci. Utilizza la chitarra accordata in DADGAD, Dsus4, un’accordatura modale di derivazione mediorientale (عود). Si esibisce da solo proponendo un repertorio di brani strumentali e cantati trasformando la chitarra in una piccola orchestra con una tecnica che abbraccia il nuovo senza dimenticare la tradizione. Melodia e tecniche contemporanee convivono in lui senza alcun pregiudizio formale.  

 

fotografia di Renzo Chiesa

" Il 16 luglio 2004 si è incendiato il motore del Boeing 747 diretto all'Avana sul quale stavo viaggiando. Mi sono salvato, ci siamo salvati. Sull'isola ho conosciuto musicisti di son e habanere. Quando sono rientrato in Italia ho venduto la moto e ho acquistato una chitarra acustica. L'ho suonata per dieci anni nel bagno di casa senza alcuna intenzione particolare poi sono successe del cose. La mia chitarra è sempre accordata in Dsus4 (dadgad), un'accordatura molto utilizzata nella musica celtica ma di evidenti origini maghrebine.  E quindi suono la chitarra, acustica e classica, con questa accordatura esotica ma più che un chitarrista mi sento un fotografo. o, forse, un semplice viagiatore" Art